Assegno divorzile e mantenimento degli standard reddituali precedenti. Esclusione

242 views 12:28 pm 0 Comments Luglio 29, 2023

(Tribunale Vibo Valentia, Sentenza, 06/03/2023, n. 84)

I parametri su cui fondare l’accertamento del diritto all’assegno di divorzio sono … l’incolpevole non autosufficienza economica e/o la necessità di compensazione del particolare contributo dato da un coniuge durante la vita matrimoniale (Ord. Cass. 24934 del 7.10.2019). Va escluso in sostanza che la funzione equilibratrice del reddito degli ex coniugi sia finalizzata alla ricostituzione del tenore di vita endoconiugale bensi al riconoscimento del ruolo e del contributo fornito dall’ex coniuge economicamente più debole alla formazione del patrimonio della famiglia e di quello personale degli ex coniugi, dovendosi riconoscere l’ultrattività’ delle ricadute di tali scelte anche dopo lo scioglimento senza che ciò voglia significare ancorarle al tenore di vita goduto durante il matrimonio riconoscendo rendite parassitane o di posizione “l‘assegno di separazione presuppone la permanenza del vincolo coniugale, e, conseguentemente, la correlazione dell’adeguatezza dei redditi con il tenore dì vita goduto in costanza di matrimonio; al contrario tale parametro non rileva in sede di fissazione dell’assegno divorzile, che deve invece essere quantificato in considerazione della sua natura assistenziale, compensativa e perequativa, secondo ì criteri indicati all’art. 5 co 6 ex L. n. 898 del 1970, essendo volto non alla ricostituzione del tenore di vita endoconiugale, ma al riconoscimento del ruolo e del contributo fornito dall’ex coniuge beneficiario alla formazione del patrimonio della famiglia e di quello personale degli ex coniugi (Sez 1 – n. 5605 del 28/02/2020).

Tag: , , , , ,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *